Caro socio

ti abbiamo inviato la ricevuta rilasciata dall’INPS della tua domanda di indennizzo.

Come sai, CNA Firenze ha deciso di svolgere questo adempimento in maniera totalmente gratuita per te.

Questo è un piccolo ma significativo contributo del sistema CNA a sostegno di chi trova in noi un punto di riferimento importante per la propria attività. Le associazioni servono a questo: rispondere ai bisogni delle persone che rappresentano.

Questo è possibile perché un sistema come il nostro, diffuso capillarmente sul territorio e organizzato in modo efficiente e efficace, dal 12 al 31 marzo ha:

  • mantenuto operativi 18 uffici su tutto il territorio della Città Metropolitana di Firenze;
  • ricevuto 32.500 telefonate su temi quali cassa integrazione, indennità, interpretazioni decreti ecc.
  • inviato 94.500 e-mail riguardanti ogni misura sul Covid-19 con impatto su imprese e cittadini;
  • ricevuto 300 richieste alla casella di posta elettronica attivata per agli ammortizzatori sociali;
  • ricevuto 300 richieste alla casella di posta elettronica attivata per il credito;
  • ricevuto 3.500 domande di richiesta bonus Inps 600€;
  • gestito 1.100 domande di Cassa Integrazione Guadagni (Cig);
  • interpretato oltre 1.000 richieste pervenute alle strutture sindacali di mestiere e territorio in merito a decreti, aperture aziende, spostamenti, protocolli anti contagio, utilizzo e produzione mascherine, possibilità di accesso a Cig, credito, indennità;
  • organizzato 2 dirette facebook con gli interventi di 10 relatori specializzati;
  • prodotto e diffuso sui social 75 post e stories dedicati all’emergenza;
  • raggiunto sui social 83.000 persone con informazioni sul Covid-19;
  • interagito sui social con 18.500 persone fornendo informazioni e risposte a migliaia di quesiti.

Un lavoro enorme, possibile grazie al contributo economico che ogni anno gli associati CNA versano.

La vita dell’Associazione si basa proprio su questo e confidiamo che tutti, nonostante il momento critico, lo facciano il prima possibile.

Un caro saluto,

CNA Firenze Metropolitana