Finanziamenti per voucher formativi a imprenditori e liberi professionisti. Lunedì 18 maggio 2020 la riapertura del Bando

Lunedì 18 Maggio riaprirà il Bando Industria 4.0 che finanzia la formazione di imprenditori e liberi professionisti.

Le domande potranno essere presentate, fino ad esaurimento risorse, a partire dalle ore 00.00 del 18 maggio 2020.

Finalità.
Il bando finanzia percorsi formativi tesi a:
– Acquisire conoscenze utili a sviluppare una propensione agli investimenti in innovazione, soprattutto nell’ambito digitale e dell’economia circolare;
– Sfruttare le potenzialità delle nuove tecnologie e promuovere lo sviluppo di sistemi produttivi meno energivori e inquinanti; per affrontare percorsi di innovazione tecnologica, organizzativa, gestionale, di processo/prodotto e dei modelli di business che con sentano di cogliere le opportunità di crescita aziendale e professionale;
– Adottare nuovi modelli di organizzazione del lavoro e di gestione delle risorse umane, quali strumenti in grado di accompagnare, favorire e accrescere i processi di innovazione e, al tempo stesso, la partecipazione e il benessere dei lavoratori

Destinatari del bando / Beneficiari dei voucher formativi.

Le domande di voucher formativo individuale possono essere presentate dagli imprenditori e dai lavoratori autonomi di tipo intellettuale. Sono destinatari del voucher formativo gli imprenditori ed i liberi professionisti che svolgono attività di tipo intellettuale, con le seguenti caratteristiche:

a) Imprenditori e loro coadiuvanti, gli amministratori unici di aziende, i componenti dei consigli di amministrazione con compiti gestionali, i soci di cooperative, di aziende private, o comunque a prevalente capitale privato, piccole/medie e grandi, aventi unità operativa nel territorio della Toscana;

b) Liberi professionisti che svolgono attività di tipo intellettuale in possesso di partita Iva   intestata esclusivamente al richiedente il voucher oppure liberi professionisti senza partita iva individuale che esercitano l’attività in forma associata o societaria, ed appartenenti ad una delle seguenti tipologie:
b.1) soggetti iscritti ad albi di ordini professionali e collegi professionali;
b.2) soggetti iscritti ad associazioni professionali inserite nell’elenco di cui alla legge 4/2013 art. 2 comma 7 e/o alla legge regionale 73/2008;
b.3) soggetti iscritti alla Gestione separata dell’Inps come liberi professionisti senza cassa.

I destinatari del voucher devono essere in possesso dei seguenti requisiti:
– Residenti in un Comune della Toscana;
– Cittadinanza italiana o di Paesi facenti parte dell’Unione europea, se cittadini non comunitari essere anche in possesso di regolare permesso di soggiorno che consente attività lavorativa;
– Avere compiuto i 18 anni di età.

Presentazione

La domanda dovrà essere presentata tramite sistema online collegandosi all’indirizzo web https://web.rete.toscana.it/fse3  e selezionando “Formulario on-line di presentazione dei progetti FSE”
In alternativa l’accesso e la compilazione online sono possibili anche tramite Spid (sistema pubblico di identità digitale) reperibile al sito internet della Regione Toscana http://www.regione.toscana.it/con-credenziali-spid o alla pagina nazionale http://www.spid.gov.it/richiedi-spid.
Per la presentazione della domanda online è indispensabile che il richiedente utilizzi la propria Carta sanitaria toscana (Cse) / Carta nazionale dei servizi (Cns) abilitata ed un lettore smart card. Il soggetto che ha presentato la domanda tramite l’applicazione “Formulario di presentazione dei progetti FSE on line” può verificare l’avvenuta protocollazione da parte di Regione Toscana.

Tipi di percorsi formazione

1) Corsi di formazione e di aggiornamento professionale anche in modalità e-learning erogati da:
a. Agenzie formative accreditate dalla Regione Toscana in regola con la normativa   regionale sull’accreditamento di cui alla delibera di giunta 1407/2016 così come modificata dalla delibera di giunta 130/2020;
b. Agenzie formative riconosciute o accreditate dalle Regioni di appartenenza, in caso di percorsi svolti al di fuori della Regione Toscana (solo in casi espressamente motivati e comprovanti che il medesimo corso non sia svolto nel territorio della Regione Toscana);
c. Ordini professionali, collegi professionali, associazioni professionali inserite nell’elenco di cui alla legge 4/2013 art. 2 comma 7, associazioni professionali riconosciute ai sensi della normativa statale o regionale;

– Soggetti eroganti percorsi formativi accreditati o autorizzati dagli stessi ordini/collegi/associazioni professionali;
– Provider accreditati Educazione continua in medicina (Ecm);
– Ultima annualità delle Scuole di specializzazione in possesso del riconoscimento del Miur.
I corsi di cui ai punti 1) a e 1)b sono destinati ad imprenditori e liberi professionisti.
I corsi di cui al punto c) solo destinati ai soli liberi professionisti

2) Master di I e II livello in Italia e all’estero anche in modalità e-learning erogati da:
a. Università e Scuole di alta formazione italiane in possesso del riconoscimento del MIUR che le abilita al rilascio del titolo di master;
b. Università pubblica dello Stato estero o riconosciuta da autorità competente dello Stato estero, Scuola/Istituto di alta formazione di Stato estero, pubblico o riconosciuto da autorità competente dello Stato estero e da questa abilitato per il rilascio del titolo di master.
I corsi di cui al presente Articolo al punto 2a e 2b sono destinati ad imprenditori e liberi professionisti.

Voucher formativo individuale. Ogni singolo destinatario può beneficiare al massimo di 3 voucher comprensivi anche di quelli eventualmente già beneficiati a valere sui precedenti avvisi pubblici approvati con decreto dirigenziale 13633 del 9 agosto 2018, decreto 13634 del 9 agosto 2018, decreto 11299 del 29 giugno 2019, decreto 12487 del 25 agosto 2017, decreto 19336 del 13 dicembre 2017, decreto 6872 del 26 luglio 2016. 
Le domande per ciascun voucher devono essere presentate singolarmente ed in scadenze diverse.

L’importo massimo finanziabile per ciascun voucher è:
3.000 euro per i destinatari di cui al punto a
2.000 euro per i destinatari di cui al punto b

Per il medesimo percorso formativo, la fruizione del voucher è incompatibile con altri contributi pubblici erogati dalla Regione Toscana o da altre amministrazioni pubbliche.
Il costo del percorso formativo per il quale si richiede il voucher deve essere di almeno 200 euro Iva esclusa. Non sono concessi voucher per corsi di formazione di costo inferiore.
Spese ammissibili sono esclusivamente quelle di iscrizione al percorso formativo. Sono esclusi rimborsi di viaggio, vitto, alloggio, materiali didattici e qualsiasi altra spesa.

Per ulteriori informazioni
Valentina Freschi, Ambiente Impresa, sistema CNA Firenze,
055/33976203, vfreschi@ambienteimpresa.net

Condividi