Covid, Firenze: patto per gli affitti commerciali

Contrastare le speculazioni e le infiltrazioni criminali in questa fase di crisi di liquidità, rafforzando il sostegno al tessuto produttivo, alla rete del commercio e alla piccola proprietà. E’ l’obiettivo che si è posto la Prefettura di Firenze con il protocollo stipulato in videoconferenza a Palazzo Medici Riccardi con Città Metropolitana, il Comune di Firenze,CNA, la Camera di Commercio, l’Ordine dei commercialisti ed esperti contabili, ed altri soggetti.

L’intesa, giunta alla fine di un lungo lavoro preparatorio cui per CNA ha partecipato il presidente Giacomo Cioni, ha istituito un tavolo operativo, composto dai soggetti sottoscrittori, con il compito di elaborare le Linee Guida che offrono a locatari e proprietari la possibilità di rimodulare, in piena autonomia negoziale, i contratti di locazione in atto. Una sorta di vademecum che costituisce la cornice di riferimento entro cui le parti sono libere di riparametrare i canoni, caso per caso, prendendo in considerazione dati oggettivi, come la contrazione del fatturato o la riduzione della capacità reddituale, e concordando in autonomia tempi, modi ed entità della riduzione (con percentuali variabile che possono essere fino al 40%), sulla base delle indicazioni fornite da uno schema elaborato dall’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Firenze, allegato alle stesse Linee Guida..

In caso di mancato accordo, le parti possono rivolgersi agli organismi di conciliazione che operano in ambito metropolitano.

Nel corso della videoconferenza è stata inoltre tracciata la road map delle prossime settimane. E’ previsto che a breve si riunisca un tavolo metropolitano per offrire le Linee Guida agli altri comuni che potranno declinarle nei propri ambiti territoriali.

Il protocollo, aperto all’adesione di altri soggetti pubblici e privati, ha durata sino al termine della situazione emergenziale. E’ consultabile sul sito della Prefettura www.prefettura.it/firenze.

Condividi