CNA Firenze

Men¨ di navigazione rapido

Logo del CNA di Firenze

lunedý, 16 luglio 2018

Efficienza energetica: 6 milioni per il territorio

16/7/2018

Riveviamo ed inoltriamo l'invito dei Comuni della Piana Fiorentina e di Estra per la presentazione della "Call per l'efficienza energetica" ...

 

Rischio paralisi dei Centri di Revisione auto. CNA chiede preventivamente l'intervento del Ministro Toninelli

13/7/2018

Rischio paralisi dei Centri di Revisione auto: 8.500 centri privati sul territorio nazionale che impegnano oltre 20.000 addetti, con conseguente ...

 

Seminario settore Arredo e Complemento negli USA

12/7/2018

Lunedì 16 Luglio 2018, a partire dalle ore 10.00, nella sede di Artex, in Via Giano della Bella 20, a ...

 

Valdarno-Valdisieve, imprenditoria giovanile artigiana: perse nell'ultimo anno il 7% delle imprese. Le proposte CNA per invertire rotta

11/7/2018

Non va bene l’imprenditoria giovanile artigiana del Valdarno-Valdisieve: -7% di imprese nell’ultimo anno, una performance peggiore di quella del resto ...

 

Empolese Valdelsa, acconti TARI con un 30% in più da pagare: ecco perchè

10/7/2018

Con l’arrivo del I°acconto TARI 2018 recentemente recapitato, Alia spa, oltre a richiedere il 40% dell’importo dovuto riferito alla TARI ...

 

28/04/2009

Scatta l'IVA PER CASSA

Immagine

 

Il 27 aprile u.s. è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del 26.03.2009 con il quale il ministero dell'Economia e delle Finanze da il via, a decorrere dal 28.04.2009, alla possibilità di optare per l’esigibilità dell’IVA al momento della effettiva riscossione del corrispettivo.
La deroga, prevista inizialmente per il triennio 2008 – 2010, è stata successivamente prevista a regime in fase di conversione del DL 185/08.

Il provvedimento di attuazione consente ai soggetti che hanno realizzato nell’anno solare precedente un volume d’affari non superiore a € 200.000 di applicare l’IVA per cassa alle operazioni effettuate nei confronti di soggetti passivi d’imposta.
Sono ammesse al beneficio le prestazioni di servizi e le cessioni di beni effettuati nei confronti di soggetti che agiscono in esercizio d’impresa, arte o professione. Restano, invece, escluse dalla norma agevolativa le operazioni effettuate nei confronti di soggetti privati.

Non possono applicare la disposizione coloro che si avvalgano di regimi speciali di applicazione dell'imposta, così come le operazioni poste in essere nei confronti di acquirenti o committenti assoggettati al regime del reverse charge.

Coloro che applicano l’IVA per cassa hanno inoltre l’obbligo di monitorare il volume d’affari dell’anno 2009 poiché, al superamento del limite di € 200.000 in corso d’anno, devono smettere di effettuare operazioni con IVA ad esigibilità differita.

 

(Notizia consultata 11 volte negli ultimi 4 mesi)