CNA Firenze

Men¨ di navigazione rapido

Logo del CNA di Firenze

lunedý, 24 settembre 2018

A Borgo un corso gratuito per diventare addetto ai manufatti lignei

24/9/2018

L’azienda Oliviero Capirossi Serramenti srl di Borgo San Lorenzo (in via Guido Rossa,7) apre le sue porte ai visitatori il ...

 

CNA porta Amazon davanti al Tribunale di Roma

24/9/2018

Il Tribunale di Roma ha fissato per giovedì 11 ottobre davanti alla nona sezione civile la prima udienza di un ...

 

Fattura elettronica, cosa cambia per le imprese

23/9/2018

Un appuntamento gratuito per essere in regola con un nuovo adempimento che sarà in vigore da inizio 2019.

"Fattura elettronica: cosa ...

 

Fattura elettronica, cosa cambia per le imprese dal 2019

23/9/2018

Un appuntamento gratuito per essere in regola con un nuovo adempimento che sarà in vigore da inizio 2019.

"Fattura elettronica: cosa ...

 

Arriva Firenze Libro Aperto

23/9/2018

segnaliamo una interessante iniziativa organizzata da CNA Toscana Unione Comunicazione e Terziario Avanzato all'interno della manifestazione "Firenze Libro Aperto" che ...

 

28/04/2009

Scatta l'IVA PER CASSA

Immagine

 

Il 27 aprile u.s. è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del 26.03.2009 con il quale il ministero dell'Economia e delle Finanze da il via, a decorrere dal 28.04.2009, alla possibilità di optare per l’esigibilità dell’IVA al momento della effettiva riscossione del corrispettivo.
La deroga, prevista inizialmente per il triennio 2008 – 2010, è stata successivamente prevista a regime in fase di conversione del DL 185/08.

Il provvedimento di attuazione consente ai soggetti che hanno realizzato nell’anno solare precedente un volume d’affari non superiore a € 200.000 di applicare l’IVA per cassa alle operazioni effettuate nei confronti di soggetti passivi d’imposta.
Sono ammesse al beneficio le prestazioni di servizi e le cessioni di beni effettuati nei confronti di soggetti che agiscono in esercizio d’impresa, arte o professione. Restano, invece, escluse dalla norma agevolativa le operazioni effettuate nei confronti di soggetti privati.

Non possono applicare la disposizione coloro che si avvalgano di regimi speciali di applicazione dell'imposta, così come le operazioni poste in essere nei confronti di acquirenti o committenti assoggettati al regime del reverse charge.

Coloro che applicano l’IVA per cassa hanno inoltre l’obbligo di monitorare il volume d’affari dell’anno 2009 poiché, al superamento del limite di € 200.000 in corso d’anno, devono smettere di effettuare operazioni con IVA ad esigibilità differita.

 

(Notizia consultata 24 volte negli ultimi 4 mesi)