CNA Firenze

Men¨ di navigazione rapido

Logo del CNA di Firenze

domenica, 27 maggio 2018

A #FuturoArtigiano si parla di #Armonia, consulenza d'immagine a tutto tondo

25/5/2018

A #FuturoArtigiano, Armonia Personal & Hair Design! Come dice Antonella Batacchi, uno stile di lavoro e uno stile di vita!
per ...

 

Il nuovo regolamento sulla privacy: niente panico!

24/5/2018

Domani, 25 maggio, entra in vigore il Nuovo Regolamento Privacy, ma CALMA! Non è certo la fine del mondo, anche ...

 

Fabrizio Cecconi è il nuovo Direttore di CNA Firenze Metropolitana

24/5/2018

64 anni, di Reggello di cui è stato prima consigliere comunale e poi vicesindaco, dipendente del PCI, presidente del comitato ...

 

UptoYouth sbarca a Firenze

23/5/2018

UptoYouth, il corso di formazione gratuito per aspiranti imprenditori under35 sarà a Firenze il 6, 7 e 8 giugno.

UptoYouth è ...

 

"La dimensione del silenzio", personale di Renzo Del Lungo

23/5/2018

Segnaliamo con piacere "La dimensione del silenzio", personale di Renzo Del Lungo, pittore e vicepresidente vicario di CNA Firenze Pensionati. ...

 

28/04/2009

Scatta l'IVA PER CASSA

Immagine

 

Il 27 aprile u.s. è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del 26.03.2009 con il quale il ministero dell'Economia e delle Finanze da il via, a decorrere dal 28.04.2009, alla possibilità di optare per l’esigibilità dell’IVA al momento della effettiva riscossione del corrispettivo.
La deroga, prevista inizialmente per il triennio 2008 – 2010, è stata successivamente prevista a regime in fase di conversione del DL 185/08.

Il provvedimento di attuazione consente ai soggetti che hanno realizzato nell’anno solare precedente un volume d’affari non superiore a € 200.000 di applicare l’IVA per cassa alle operazioni effettuate nei confronti di soggetti passivi d’imposta.
Sono ammesse al beneficio le prestazioni di servizi e le cessioni di beni effettuati nei confronti di soggetti che agiscono in esercizio d’impresa, arte o professione. Restano, invece, escluse dalla norma agevolativa le operazioni effettuate nei confronti di soggetti privati.

Non possono applicare la disposizione coloro che si avvalgano di regimi speciali di applicazione dell'imposta, così come le operazioni poste in essere nei confronti di acquirenti o committenti assoggettati al regime del reverse charge.

Coloro che applicano l’IVA per cassa hanno inoltre l’obbligo di monitorare il volume d’affari dell’anno 2009 poiché, al superamento del limite di € 200.000 in corso d’anno, devono smettere di effettuare operazioni con IVA ad esigibilità differita.

 

(Notizia consultata 20 volte negli ultimi 4 mesi)