CNA Firenze

Men¨ di navigazione rapido

Logo del CNA di Firenze

lunedý, 16 luglio 2018

Efficienza energetica: 6 milioni per il territorio

16/7/2018

Riveviamo ed inoltriamo l'invito dei Comuni della Piana Fiorentina e di Estra per la presentazione della "Call per l'efficienza energetica" ...

 

Rischio paralisi dei Centri di Revisione auto. CNA chiede preventivamente l'intervento del Ministro Toninelli

13/7/2018

Rischio paralisi dei Centri di Revisione auto: 8.500 centri privati sul territorio nazionale che impegnano oltre 20.000 addetti, con conseguente ...

 

Seminario settore Arredo e Complemento negli USA

12/7/2018

Lunedì 16 Luglio 2018, a partire dalle ore 10.00, nella sede di Artex, in Via Giano della Bella 20, a ...

 

Valdarno-Valdisieve, imprenditoria giovanile artigiana: perse nell'ultimo anno il 7% delle imprese. Le proposte CNA per invertire rotta

11/7/2018

Non va bene l’imprenditoria giovanile artigiana del Valdarno-Valdisieve: -7% di imprese nell’ultimo anno, una performance peggiore di quella del resto ...

 

Empolese Valdelsa, acconti TARI con un 30% in più da pagare: ecco perchè

10/7/2018

Con l’arrivo del I°acconto TARI 2018 recentemente recapitato, Alia spa, oltre a richiedere il 40% dell’importo dovuto riferito alla TARI ...

 

16/06/2009

DECRETO di proroga termini versamento imposte

E' stato reso disponibile, sul sito www.finanze.it il testo del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri avente ad oggetto il differimento dei termini di versamento per l'anno 2009.
Il DPCM dispone il differimento, per l'anno 2009, del termine del 16 giugno previsto per l'effettuazione dei versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi e dell'Irap.
Il nuovo termine è fissato al 6 luglio 2009, senza alcuna maggiorazione.
I predetti versamenti possono inoltre essere effettuati, dal 7 luglio al 5 agosto 2009, con la maggiorazione dello 0.40%.
La proroga riguarda i soggetti che "esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore" e che "dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito per ciascuno studio di settore dal relativo decreto di approvazione".

 

(Notizia consultata 104 volte negli ultimi 4 mesi)