CNA Firenze

Men¨ di navigazione rapido

Logo del CNA di Firenze

martedý, 25 settembre 2018

Borgo e Scarperia-San piero, al via la raccolta porta a porta

24/9/2018

In previsione dell’attivazione del nuovo servizio di raccolta rifiuti porta a porta, ecco na serie di incontri appositamente predisposti da ...

 

A Borgo un corso gratuito per diventare addetto ai manufatti lignei

24/9/2018

L’azienda Oliviero Capirossi Serramenti srl di Borgo San Lorenzo (in via Guido Rossa,7) apre le sue porte ai visitatori il ...

 

CNA porta Amazon davanti al Tribunale di Roma

24/9/2018

Il Tribunale di Roma ha fissato per giovedì 11 ottobre davanti alla nona sezione civile la prima udienza di un ...

 

Fattura elettronica, cosa cambia per le imprese

23/9/2018

Un appuntamento gratuito per essere in regola con un nuovo adempimento che sarà in vigore da inizio 2019.

"Fattura elettronica: cosa ...

 

Fattura elettronica, cosa cambia per le imprese dal 2019

23/9/2018

Un appuntamento gratuito per essere in regola con un nuovo adempimento che sarà in vigore da inizio 2019.

"Fattura elettronica: cosa ...

 

07/04/2010

Incentivi per sostituzione ed acquisto di prodotti vari

In data 25.03.2010 è stato pubblicato in GU il DL 40 del 25.03.2010 che contiene, tra le altre cose, un pacchetto incentivi del valore complessivo di 300 milioni di euro per incentivare il consumo.

I settori interessati dagli incentivi sono dieci:
1. elettrodomestici;
2. cucine componibili;
3. motocicli;
4. nuovi immobili ad alta efficienza;
5. rimorchi e semirimorchi;
6. macchine agricole e movimento terra;
7. gru a torre per edilizia;
8. inverter e motori ad alta efficienza;
9. nautica da diporto;
10. internet veloce per i giovani.

Gli incentivi sono rivolti ai consumatori i quali potranno beneficiare di una riduzione sul prezzo di acquisto di questi beni. Per molte categorie l’incentivo non è sul semplice acquisto, ma sulla sostituzione di beni analoghi.

Per molte categorie l’entità dell’incentivo è una percentuale sul costo o prezzo di listino.
Attualmente non è chiaro se la percentuale debba essere applicata sul totale della fattura, oppure sull’imponibile; inoltre, visto che i beneficiari possono essere sia privati che imprese, ci chiediamo se per entrambi la base di calcolo dell’incentivo sia la stessa. Ci auspichiamo chiarimenti in merito.

Il “gestore dei contributi” sarà Poste Italiane Spa.
Il rivenditore dovrà attivarsi nei confronti di Poste Italiane Spa per:
a. verificare la disponibilità dell’incentivo;
b. vedersi rimborsare lo “sconto” praticato sulla vendita del bene.
L’incentivo, infatti, non è un credito d’imposta utilizzabile su F24, ma sarà rimborsato al rivenditore direttamente da Poste Italiane Spa.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, tramite un comunicato stampa del 02.04.2010, ci informa che prima di erogare gli incentivi al compratore, il venditore deve registrarsi in un apposito elenco tenuto da Poste Italiane. L’iscrizione nell’elenco può essere effettuata a decorrere dal 06.04.2010 telefonando al numero verde 800.556.670.
Per quanto riguarda gli incentivi concessi sugli abbonamenti ad internet veloce, invece, la registrazione deve essere effettuata solo dagli operatori delle telecomunicazioni (e non dai rivenditori). Per loro, però, la procedura prevede che la registrazione sia effettuata tramite il seguente indirizzo email: contributi.bandalarga@postecert.it.

Sempre con il solito comunicato stampa del 02.04.2010 il Ministero informa che i consumatori e le imprese potranno cominciare ad acquistare i prodotti con gli incentivi a partire da giovedì 15 aprile.

Purtroppo ad oggi mancano ancora molte informazioni utili per la gestione concreta degli incentivi da parte dei venditori … quali ad esempio:
- la procedura da seguire per “prenotare” l’incentivo;
- la documentazione da tenere per l’erogazione dell’incentivo;
- se è necessario inviare la documentazione a Poste Italiane;

… il comunicato del 02.04.2010 ci informa, però, che “nei prossimi giorni saranno fornite indicazioni più precise sulle procedure da seguire per ottenere gli incentivi”.

 

(Notizia consultata 28 volte negli ultimi 4 mesi)