CNA Firenze

Menų di navigazione rapido

Logo del CNA di Firenze

domenica, 22 gennaio 2017

Rappresentanza, trasferta e trasfertismo - Incontro a Firenze, mercoledì 1 febbraio

15/1/2017

- Linea Guida della Riforma degli Assetti Contrattuali, delle Relazioni Sindacali e della Rappresentanza
- Trasferta e Trasfertismo: finalmente chiarezza e ...

 

Legge di Bilancio 2017. Giovedì 12 gennaio incontro presso la sede Provinciale di CNA Firenze

8/1/2017

LEGGE DI BILANCIO 2017 - COME SI E’ ARRIVATI A QUESTE NOVITA’
COSA CAMBIA PER LE IMPRESE E GLI OPERATORI DEL ...

 

Legge di Bilancio 2017 - Cosa cambia per le imprese e per gli operatori del settore. Empoli, venerdì 20 gennaio

6/1/2017

CNA Firenze Empolese Valdelsa organizza per il prossimo venerdì 20 gennaio alle ore 21,00 un incontro in cui saranno trattati ...

 

Canone RAI - Uso speciale e uso privato

6/1/2017

Sebbene la legge di stabilità 2016 abbia introdotto una nuova normativa e nuovi metodi di riscossione, il canone speciale RAI ...

 

Dal 2 gennaio 2017 riaperto lo sportello delle Nuova Sabatini

6/1/2017

Dal 2 gennaio 2017 è stato riaperto lo sportello per la presentazione delle domande di accesso ai contributi, per le ...

 

15/07/2011

LAVORI USURANTI – ENTRO 31/07/2011 INVIO COMUNICAZIONI TELEMATICHE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Il Dlgs 67/2011 ha previsto che i lavoratori che svolgono lavorazioni particolarmente faticose e pesanti possono accedere al pensionamento anticipato.
I datori di lavoro sono tenuti a fornire ai lavoratori la documentazione che attesta, con elementi di prova aventi data certa, la sussistenza dei requisiti necessari.
I datori di lavoro hanno inoltre l'obbligo di comunicare alla DPL ed agli Istituti previdenziali competenti:
• l'esecuzione di lavoro notturno svolto in modo continuativo o in regolari turni periodici. La comunicazione va fatta una volta all'anno, esclusivamente in via telematica
• l'esecuzione delle lavorazioni classificate all'INAIL nelle voci di tariffa individuate dal decreto, entro il 31/07/2011. L'obbligo riguarda solo i datori di lavoro che retribuiscono i lavoratori addetti a tali lavorazioni, con il sistema del cottimo obbligatorio (art. 2100 del codice civile). Ne deriva che la portata applicativa di tale disposizione risulta estremamente limitata.
L'omissione di ognuna delle suddette comunicazioni e' punita con la sanzione amministrativa diffidabile da 500 euro a 1500 euro.

 

(Notizia consultata 24 volte negli ultimi 4 mesi)