CNA Firenze

Men¨ di navigazione rapido

Logo del CNA di Firenze

lunedý, 16 luglio 2018

Efficienza energetica: 6 milioni per il territorio

16/7/2018

Riveviamo ed inoltriamo l'invito dei Comuni della Piana Fiorentina e di Estra per la presentazione della "Call per l'efficienza energetica" ...

 

Rischio paralisi dei Centri di Revisione auto. CNA chiede preventivamente l'intervento del Ministro Toninelli

13/7/2018

Rischio paralisi dei Centri di Revisione auto: 8.500 centri privati sul territorio nazionale che impegnano oltre 20.000 addetti, con conseguente ...

 

Seminario settore Arredo e Complemento negli USA

12/7/2018

Lunedì 16 Luglio 2018, a partire dalle ore 10.00, nella sede di Artex, in Via Giano della Bella 20, a ...

 

Valdarno-Valdisieve, imprenditoria giovanile artigiana: perse nell'ultimo anno il 7% delle imprese. Le proposte CNA per invertire rotta

11/7/2018

Non va bene l’imprenditoria giovanile artigiana del Valdarno-Valdisieve: -7% di imprese nell’ultimo anno, una performance peggiore di quella del resto ...

 

Empolese Valdelsa, acconti TARI con un 30% in più da pagare: ecco perchè

10/7/2018

Con l’arrivo del I°acconto TARI 2018 recentemente recapitato, Alia spa, oltre a richiedere il 40% dell’importo dovuto riferito alla TARI ...

 

19/06/2012

Decreto Sviluppo: la detrazione fiscale per gli interventi di ristrutturazione edilizia passa dal 36% al 50%

Detrazioni fiscali

 

Il Decreto Sviluppo 2012, approvato il 15 giugno dal Consiglio dei Ministri, introduce novità sul fronte delle detrazioni fiscali spettanti per gli interventi di ristrutturazione edilizia.

Il testo (che in sede di conversione potrebbe però subire delle modifiche) prevede infatti che la detrazione spettante per gli interventi di ristrutturazione edilizia passi dall'attuale 36% su un massimo di spese pari a 48.000 euro, al 50% su un totale massimo di spese pari a 96.000 euro.

L’aumento varrà solo nel limitato arco temporale dalla data di entrata in vigore del Decreto al 30 giugno 2013.
Resta da chiarire se godranno della maggiore detrazione solo le spese sostenute in tale periodo per interventi iniziati nel corso dello stesso, oppure se vi rientreranno anche le spese sostenute per lavori iniziati precedentemente.

A tal fine, e per non precludere ai contribuenti la possibilità di poter fruire di una maggiore detrazione, è perciò consigliabile rimandare, se possibile, i pagamenti fino alla data di entrata in vigore del Decreto.

 

(Notizia consultata 10 volte negli ultimi 4 mesi)

Esegui la login per lasciare un commento