CNA Firenze

Men¨ di navigazione rapido

Logo del CNA di Firenze

lunedý, 24 settembre 2018

CNA porta Amazon davanti al Tribunale di Roma

24/9/2018

Il Tribunale di Roma ha fissato per giovedì 11 ottobre davanti alla nona sezione civile la prima udienza di un ...

 

Fattura elettronica, cosa cambia per le imprese

23/9/2018

Un appuntamento gratuito per essere in regola con un nuovo adempimento che sarà in vigore da inizio 2019.

"Fattura elettronica: cosa ...

 

Fattura elettronica, cosa cambia per le imprese dal 2019

23/9/2018

Un appuntamento gratuito per essere in regola con un nuovo adempimento che sarà in vigore da inizio 2019.

"Fattura elettronica: cosa ...

 

Arriva Firenze Libro Aperto

23/9/2018

segnaliamo una interessante iniziativa organizzata da CNA Toscana Unione Comunicazione e Terziario Avanzato all'interno della manifestazione "Firenze Libro Aperto" che ...

 

Revoca fermo nazionale dei servizi di autotrasporto

23/9/2018

Alle ore 16.58 del 19 Settembre 2018, è pervenuta la convocazione del Ministero per proseguire la discussione sulle problematiche relative ...

 

19/06/2012

Decreto Sviluppo: la detrazione fiscale per gli interventi di ristrutturazione edilizia passa dal 36% al 50%

Detrazioni fiscali

 

Il Decreto Sviluppo 2012, approvato il 15 giugno dal Consiglio dei Ministri, introduce novità sul fronte delle detrazioni fiscali spettanti per gli interventi di ristrutturazione edilizia.

Il testo (che in sede di conversione potrebbe però subire delle modifiche) prevede infatti che la detrazione spettante per gli interventi di ristrutturazione edilizia passi dall'attuale 36% su un massimo di spese pari a 48.000 euro, al 50% su un totale massimo di spese pari a 96.000 euro.

L’aumento varrà solo nel limitato arco temporale dalla data di entrata in vigore del Decreto al 30 giugno 2013.
Resta da chiarire se godranno della maggiore detrazione solo le spese sostenute in tale periodo per interventi iniziati nel corso dello stesso, oppure se vi rientreranno anche le spese sostenute per lavori iniziati precedentemente.

A tal fine, e per non precludere ai contribuenti la possibilità di poter fruire di una maggiore detrazione, è perciò consigliabile rimandare, se possibile, i pagamenti fino alla data di entrata in vigore del Decreto.

 

(Notizia consultata 32 volte negli ultimi 4 mesi)

Esegui la login per lasciare un commento