Aziende a ciclo produttivo continuo e funzionali alle filiere essenziali. Necessaria la comunicazione alla Prefettura. Ecco i moduli

Il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 22 marzo, oltre a disporre la sospensione di alcune aziende produttive ritenute di settori non essenziali alla situazioni di emergenza ha sancito ai punti d, g, h dell’articolo 1, alcune casistiche in cui l’azienda, pur non esercitando una attività inclusa tra quelle consentite, può continuare a lavorare a condizione che ne dia comunicazione alla Prefettura territoriale competente. Per ognuna di queste casistiche è stato predisposto un apposito modulo, eccoli di seguito:
art.1 comma 1 lettera d) Attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere dei settori di cui all’allegato 1 del medesimo D.P.C.M., dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali di cui alla legge n. 146/1990Modello 1 
art. 1 comma 1 lettera g) Attività a ciclo produttivo continuoModello 2 
art. 1 comma 1 lettera h) Attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa, nonché delle altre attività aventi rilevanza strategica nazionale.Modello 3 

Condividi