Contributi per la partecipazione a Mostre e Fiere di settore

Accesso al credito

La Camera di Commercio di Firenze ha destinato la somma di € 250.000,00 per favorire l’apertura di nuovi mercati nazionali e internazionali attraverso la partecipazione a Mostre e Fiere di settore da parte delle imprese della città metropolitana di Firenze.

A chi è destinato:

Possono beneficiare dell’intervento camerale le imprese che, al momento della presentazione della domanda di contributo, risultano:
a. attive;
b. avere sede legale e/o operativa iscritta al Registro delle Imprese di Firenze;
c. in regola con il pagamento del diritto annuale;
d. essere in regola con gli adempimenti previdenziali ed assistenziali (DURC);
e. in possesso dei requisiti di micro, piccola e media impresa come definiti dal Decreto del Ministero delle Attività produttive 18.04.2005 secondi i dati ricavabili dall’ultimo esercizio contabile approvato;
f. non soggette alle procedure concorsuali di cui al R.D. 16.03.1942, n. 267 e successive modificazioni e non essere in fase di liquidazione;
g. non avere in corso contratti di fornitura di servizi, anche a titolo gratuito, con la Camera di Commercio di Firenze, ai sensi dell’articolo 4, comma 6 del D.L. 06.07.2012, n. 95 (convertito nella L. 07.08.2012, n. 135);

Sono escluse le imprese attive nei settori carboniero, della pesca e dell’acquicoltura.

Descrizione dell’intervento:

Sono ammissibili le spese sostenute per la locazione degli spazi espositivi con l’allestimento base previsto dal soggetto organizzatore delle mostre/fiere inserite nel Calendario 2019 delle Manifestazioni Fieristiche Internazionali svolte in Italia pubblicato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, svolte a partire dal 2 gennaio 2019.

Non sono ammissibili le spese fatturate da fornitori riconducibili all’impresa beneficiaria.

Non sono ammissibili le fatture emesse da enti e società diversi dal soggetto organizzatore della mostra/fiera oggetto della richiesta di contributo.

Ammontare del contributo:

Il contributo ammonterà al 50% delle spese suddette, al netto di Iva, con un minimo di spese ammissibili di € 500,00 (Iva esclusa) per ciascuna impresa partecipante con i seguenti massimali
€ 1.000,00 per la partecipazione alle mostre/fiere inserite nel Calendario 2019 delle Manifestazioni Fieristiche Internazionali svolte in Italia non certificate pubblicato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, elevabili ad € 1.200,00 in caso di manifestazioni certificate.

Alle imprese che alla data di presentazione della domanda e comunque a partire dal 2 gennaio 2019 risulteranno iscritte al Registro Nazionale per l’Alternanza Scuola Lavoro tenuto e gestito dalle Camere di Commercio verrà riconosciuto un beneficio aggiuntivo una tantum pari ad € 100,00.

L’iscrizione al registro è gratuita e può essere effettuata attraverso l’accesso al portale scuolalavoro.registroimprese.it secondo le indicazioni di cui alla scheda allegata al Disciplinare.

Maggiori informazioni sono state inviate ai soci per email

Condividi