Saldo e Stralcio per i contribuenti in grave difficoltà economica

contributi

La legge di Bilancio 2019 ha introdotto il Saldo e Stralcio, una nuova norma che va incontro ai contribuenti in gravi difficoltà economiche che non hanno potuto pagare i debiti derivanti da:

  • dichiarazioni annuali (redditi, IVA e IRAP) e dai controlli automatizzati dell’Agenzia delle Entrate;
  • contributi INPS per artigiani e commercianti o da contributi dovuti alle casse previdenziali professionali

risultanti da carichi affidati all’agente della riscossione dal 1.1.2000 al 31.12.2017.

Deve sempre trattarsi di debiti per imposte e contributi dovuti in relazione a redditi regolarmente dichiarati.

Sono considerati contribuenti in gravi difficoltà economica le persone fisiche con ISEE del nucleo familiare non superiore a 20.000 euro.

A loro la norma concede la possibilità di estinguere i debiti senza corrispondere le sanzioni, gli interessi di mora, e pagando solo una percentuale del debito che va dal 16% al 35% in base al valore ISEE, più oneri agente della riscossione

Al Saldo e Stralcio può accedere anche chi è decaduto dalla c.d Rottamazione dei ruoli.

Gli interessati devono presentare all’agente della riscossione, entro il 30 aprile, una specifica dichiarazione con tanto di ISEE con indicazione dei debiti che intendono definire e le modalità di versamento. 

E’ di poche ore fa la notizia dell’apertura della Rottamazione dei ruoli anche alle entrate tributarie locali (Imu, tassa rifiuti, multe…). Per informazioni più puntuali occorre attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del c.d Decreto Crescita, prevista a breve e su cui torneremo quanto prima. 

Intanto, per maggiori dettagli,  è possibile rivolgersi ai nostri uffici.

Condividi