Pratiche commerciali sleali sull’agroalimentare italiano

Abbiamo appena ricevuto due importanti comunicazioni dal Sottosegretario Giuseppe L’Abbate del MIPAAF sulle pratiche commerciali sleali verso i nostri prodotti alimentari senza giustificato motivo.

Il Ministero della Salute conferma nuovamente che non esistono prove scientifiche sulla possibile contaminazione del cibo da COVID-19, cosi come già fatto da EFSA e dichiarato dall’OMS. Il Governo italiano, inoltre,  continua l’azione diplomatica verso i paesi che hanno bloccato alla frontiera le nostre merci.

E’ ovviamente un’azione speculativa che si somma ad una situazione di grave crisi economica in cui verte purtroppo il nostro Paese.

CNA esprime il proprio apprezzamento per l’azione di tutela del Governo e dei Ministeri proposti MISE, MIPAAF e MAECI e per il ruolo del Ministero della Salute che, in piena emergenza sanitaria,  non fa mai mancare il proprio supporto scientifico, in questo caso a tutela delle produzioni agroalimentari.

Condividi