Bando di qualifica restauratori: procedure accertative

bando restauratori

Il caricamento dei dati da parte del MIBAC sulla piattaforma informatica, riguarda esclusivamente:

  • i candidati le cui domande sono state ritenute inammissibili ( posizioni archiviate)
  • i candidati per i quali è stata valutata la necessità di comunicare preavvisi di rigetto

Per cui se continuando ad accedere con le proprie credenziali i restauratori non vedono alcuna comunicazione da parte del Ministero, dovrebbe significare che sono risultati “idonei” ( il condizionale è d’obbligo).
Abbiamo comunque richiesto al MIBAC di pubblicare l’elenco degli oltre 4.000 restauratori che sono risultati idonei, in questo modo oltre a diminuire l’ansia per chi è in attesa da una vita, faciliterebbe il lavoro dell’amministrazione e ci potremmo concentrare sui mille restauratori che dovranno integrare la documentazione.

NEWS DEL 4 OTTOBRE

In Seguito alle indicazioni che ci sono pervenute dal MIBAC, comunichiamo che la Commissione ha completato l’esame delle oltre 6.000 domande di qualifica, ed ha predisposto gli atti per l’espletamento delle procedure previste per le diverse tipologie:

  • Dei candidati ritenuti idonei
  • Dei candidati le cui domande sono state ritenute inammissibili ( posizioni archiviate)
  • Dei candidati per i quali è stata valutata la necessità di comunicare preavvisi di rigetto

Conseguentemente a ciò il MIBAC ha proceduto all’adeguamento della piattaforma informatica, per consentire ai restauratori di verificare l’esito della proprio domanda, attraverso le credenziali utilizzate in fase di presentazione della domanda, anche a tutela della privacy del restauratore.

Il caricamento dei dati, sulla piattaforma informatica da parte del MIBAC, relativamente a:

  • i candidati le cui domande sono state ritenute inammissibili ( posizioni archiviate)
  • i candidati per i quali è stata valutata la necessità di comunicare preavvisi di rigetto
    dovrebbe completarsi nei primi giorni di questo mese di ottobre.

Per cui invitiamo i restauratori ad accedere da subito ( anche per verificare se la piattaforma è attiva) con le proprio credenziali nella piattaforma informatica, o di farlo presso le sedi CNA che si sono adoperate per la presentazione delle domande di qualifica e, di verificare la propria posizione.

I restauratori che rientrano nelle due fattispecie sopra indicate avranno tempo 20 GIORNI, come previsto dalle Linee Guida, per la presentazione di eventuali osservazioni e/o controdeduzioni.

Decorsi i 20 giorni, ed una volta esaminati i riscontri pervenuti, il MIBAC sarà in grado di procedere alla pubblicazione degli esiti, cioè alla pubblicazione dell’elenco degli idonei all’esercizio della professione.

Condividi