Riconoscimento della qualifica professionale “Manutentore del Verde”, scadenza del 22/02/2020

Come noto, con l’entrata in vigore della Legge 154 del 26 luglio 2016, viene stabilito che l’attività di costruzione, sistemazione e manutenzione del verde pubblico o privato affidata a terzi può essere esercitata dagli iscritti al Registro ufficiale dei produttori e da imprese agricole, artigiane, industriali iscritte al registro delle imprese che abbiano conseguito un attestato di idoneità che accerti il possesso di adeguate competenze (corso di formazione Regionale).

Per dare attuazione alla Legge 154/16, con il primo accordo in Conferenza Stato Regioni del 2017, fu definita la qualifica professionale del “manutentore del verde” per effetto del quale era previsto che la formazione fosse obbligatoria per tutte le imprese del settore.

Intervenendo al tavolo in Conferenza Stato Regioni siamo riusciti a far modificare il profilo suddetto facendo inserire l’esclusione dall’obbligo formativo alle imprese con esperienza professionale maturata e alle persone con titolo di studio inerente.

Per le attività escluse dal percorso formativo la legge prevede l’obbligo di dimostrare i requisiti entro il 22/02/2020 tuttavia, di concerto con la Camera di Commercio di Firenze per le imprese fiorentine rientranti in questa casistica si ritiene che non debba essere trasmessa nessuna comunicazione o pratica né alla CCIAA, né al SUAP di riferimento.

La scadenza del 22/02/2020 non potrà essere ritenuta perentoria per coloro che sono in possesso dei requisiti in quanto non sono state definite le modalità con cui l’impresa debba denunciarli.

In download normative di riferimento.

Sarà nostro interesse comunicarvi le nuove disposizioni al momento che saranno definite.

Condividi