fbpx
mercoledì, Luglio 24, 2024
Associati online

La moda incontra le istituzioni

l decreto Sostegni non basta a superare il disagio economico e psicologico degli artigiani e commercianti della moda, derivante dai prolungati lockdown. Ne è convinta Cna Federmoda i cui rappresentanti hanno proposto alle istituzioni un cambio di paradigma.

All’incontro del 5 aprile con il sottosegretario alla Cultura, Lucia Borgonzoni e con l’onorevole Benedetta Fiorini, segretario della X Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo della Camera dei Deputati, è stata chiesta la riapertura immediata dei negozi di moda in fascia rossa, come già avviene in altre parti d’Europa, «su appuntamento oppure secondo diverse fasce orarie, permettendo l’ingresso a una sola persona alla volta o dal lunedì al venerdì».

Per quanto riguarda il credito d’imposta sui canoni di locazione degli esercizi commerciali, prevista nella legge di conversione del decreto Ristori, «la richiesta andrebbe riproposta per le aziende della moda che sono state costrette alla chiusura in fascia rossa, almeno per i primi quattro mesi del 2021».

Sul fronte degli indennizzi leCNA ha evidenziato l’esigenza della riproposizione dell’emendamento sull’estensione alla filiera della moda (anche commercio al dettaglio) del credito d’imposta sulle eccedenze di magazzino ex art. 48 bis del decreto Rilancio.

In merito agli ultimi sostegni, è stato segnalato il problema della soglia minima del 30% della perdita di fatturato per l’accesso ai contributi: «Una soglia estremamente penalizzante per un settore che, a differenza delle altre attività, ha arginato le perdite di fatturato facendo ampio ricorso a sconti, promozioni e saldi che hanno sì abbassato le perdite, ma anche eliminato pesantemente i margini che permettono ad un’impresa di stare sul mercato».

Le Pmi del fashion e i commercianti hanno inoltre proposto misure a sostegno della domanda interna come un’aliquota agevolata temporanea del 10% e detrazioni fiscali dedicate al consumo, sulla scia di quanto messo in campo nei settori edilizia ed automobili (ecobonus) e mobile/arredo (bonus mobili).

Al recente incontro si è parlato anche di investimenti nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza-Pnrr, che l’Italia deve presentare alla Commissione europea nell’ambito del Next Generation EU, lo strumento per rispondere alla crisi pandemica provocata dal Covid-19. A sostegno del comparto moda si è fatto riferimento ai giovani e all’occupazione a forte prevalenza femminile, al sostegno e al rilancio delle fiere di settore italiane nonché alla valorizzazione degli aspetti socio-culturali che il settore rappresenta nei più importanti distretti produttivi del territorio nazionale.

Articoli collegati

Rimaniamo in contatto

- Advertisement -spot_img

Ultimi articoli

Contatti

INDIRIZZO

via Luigi Alamanni, 31 - 50123 Firenze (direzione)

INDIRIZZO

via Luigi Alamanni, 31 - 50123 Firenze

Telefono

+39 055265141

Email

infocna@firenze.cna.it