CNA Firenze

Menů di navigazione rapido

Logo del CNA di Firenze

lunedě, 16 luglio 2018

Efficienza energetica: 6 milioni per il territorio

16/7/2018

Riveviamo ed inoltriamo l'invito dei Comuni della Piana Fiorentina e di Estra per la presentazione della "Call per l'efficienza energetica" ...

 

Rischio paralisi dei Centri di Revisione auto. CNA chiede preventivamente l'intervento del Ministro Toninelli

13/7/2018

Rischio paralisi dei Centri di Revisione auto: 8.500 centri privati sul territorio nazionale che impegnano oltre 20.000 addetti, con conseguente ...

 

Seminario settore Arredo e Complemento negli USA

12/7/2018

Lunedì 16 Luglio 2018, a partire dalle ore 10.00, nella sede di Artex, in Via Giano della Bella 20, a ...

 

Valdarno-Valdisieve, imprenditoria giovanile artigiana: perse nell'ultimo anno il 7% delle imprese. Le proposte CNA per invertire rotta

11/7/2018

Non va bene l’imprenditoria giovanile artigiana del Valdarno-Valdisieve: -7% di imprese nell’ultimo anno, una performance peggiore di quella del resto ...

 

Empolese Valdelsa, acconti TARI con un 30% in più da pagare: ecco perchè

10/7/2018

Con l’arrivo del I°acconto TARI 2018 recentemente recapitato, Alia spa, oltre a richiedere il 40% dell’importo dovuto riferito alla TARI ...

 

10/11/2008

Compensazione volontaria fra i crediti d’imposta e i debiti iscritti a ruolo

Con un provvedimento del Direttore dell’Agenzia dell’Entrate del 29/07/2008 è stato dato in parte attuazione a quella norma del D.L n. 262/2006 che prevede la compensazione (c.d. compensazione volontaria) dei crediti d’imposta chiesti a rimborso con i debiti iscritti a ruolo.
Al momento la compensazione volontaria è prevista solo per i rimborsi automatici che scaturiscono dalla liquidazione delle dichiarazioni dei redditi (per cui restano esclusi i rimborsi IVA, registro e tributi minori…..).

In pratica se un contribuente ha chiesto a rimborso in dichiarazione dei redditi un importo Irpef e ha anche un debito nei confronti dell’Inps (per il quale è già stata emessa la cartella) potrà, a seguito di un invito ricevuto dall’agente della riscossione, compensare il credito Irpef con il debito Inps.

 

(Notizia consultata 15 volte negli ultimi 4 mesi)