CNA Firenze

Men¨ di navigazione rapido

Logo del CNA di Firenze

martedý, 25 settembre 2018

Borgo e Scarperia-San piero, al via la raccolta porta a porta

24/9/2018

In previsione dell’attivazione del nuovo servizio di raccolta rifiuti porta a porta, ecco na serie di incontri appositamente predisposti da ...

 

A Borgo un corso gratuito per diventare addetto ai manufatti lignei

24/9/2018

L’azienda Oliviero Capirossi Serramenti srl di Borgo San Lorenzo (in via Guido Rossa,7) apre le sue porte ai visitatori il ...

 

CNA porta Amazon davanti al Tribunale di Roma

24/9/2018

Il Tribunale di Roma ha fissato per giovedì 11 ottobre davanti alla nona sezione civile la prima udienza di un ...

 

Fattura elettronica, cosa cambia per le imprese

23/9/2018

Un appuntamento gratuito per essere in regola con un nuovo adempimento che sarà in vigore da inizio 2019.

"Fattura elettronica: cosa ...

 

Fattura elettronica, cosa cambia per le imprese dal 2019

23/9/2018

Un appuntamento gratuito per essere in regola con un nuovo adempimento che sarà in vigore da inizio 2019.

"Fattura elettronica: cosa ...

 

08/06/2010

Antiriciclaggio- Nuove limite dal 31/05/2010 di 5.000 euro per pagamenti in contanti e/o con assegni e libretti di deposito- Decreto Legge n.78/2010

Dal 31 maggio 2010, il trasferimento di denaro contante (anche sotto forma di libretti di deposito bancari o postali al portatore, o di titoli al portatore in euro o in valuta estera) effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, senza il tramite di intermediari abilitati, è possibile e lecito fino al limite consentito di euro 4.999.

Per intermediari abilitati devono intendersi: le banche, gli istituti di moneta elettronica e Poste Italiane Spa.
Il trasferimento tra soggetti diversi, senza il tramite di intermediari abilitati, è invece vietato, quando il valore da trasferire sia complessivamente pari o superiore a 5.000 euro:
in questo caso il trasferimento dovrà necessariamente avvenire per il tramite delle banche, degli istituti di moneta elettronica o di Poste Italiane Spa.

Queste sono le nuove disposizioni introdotte dalla manovra finanziaria approvata con il Decreto Legge 31/5/2010, n. 78, in vigore dal 31 maggio 2010,il quale decreto ha ulteriormente abbassato la soglia di utilizzo legale del denaro contante e dei libretti di deposito ed ha inasprito le sanzioni pecuniarie derivanti dalla violazione di tale limite legale

In pratica, dal 31 maggio 2010 non è più possibile eseguire pagamenti utilizzando denaro contante, per importi pari o superiori a 5.000 euro; tali pagamenti devono avvenire necessariamente attraverso l'utilizzo di strumenti di pagamento tracciabili quali per esempio: i bonifici bancari, l'utilizzo di carte di credito o di altri sistemi di pagamento elettronico.

Il nuovo limite di 5.000 euro vale anche per gli assegni bancari e postali, gli assegni circolari, i vaglia ;in pratica, dal 31 maggio 2010, è possibile utilizzare tali titoli di credito "in forma libera" , senza il vincolo della non trasferibilità, purchè di importo inferiore a 5.000 euro (Banche e Poste Italiane Spa continueranno a consegnare ai clienti, di regola, assegni "non trasferibili" a meno che gli stessi non richiedano, per iscritto, l'emissione di titoli "in forma libera" e dietro pagamento dell'imposta di bollo pari a 1,50 euro).

Inoltre,i libretti di deposito bancari o postali al portatore, con saldo pari o superiore a 5.000 euro, esistenti alla data del 31 maggio 2010, per non incorrere in sanzione, devono entro il termine ultimo del 30 giugno 2011,essere estinti o, in alternativa, l'importo del saldo deve essere ridotto ad una somma non eccedente i 4.999 euro.
Per la necessità di scoraggiare la violazione della soglia legale dei 5.000 euro, il D.L. n. 78/2010 prevede che l'importo minimo della sanzione da applicare a chi commetta infrazione, non possa mai essere inferiore a 3.000 euro.

 

(Notizia consultata 32 volte negli ultimi 4 mesi)